Menu
LIVE DEMO VEREINBAREN

Fatti sul tracking

Normen Daunderer
Nov 7, 2019 10:03:13 AM

Wikipedia al momento scrive:


Il tracking ([retrospektiven] per l'utilizzo statico sinonimo di generazione di tracce, per l'utilizzo dinamico [mitlaufend, online] sinonimo di tracciamento) comprende tutti i passaggi di elaborazione che servono a seguire contemporaneamente oggetti (in movimento). Diverso da "tracing", che indica un inseguimento ritardato nel tempo, in base a delle registrazioni, ad es. nella programmazione come il tracciamento. La distinzione però non è univoca, ad esempio si parla di GPS-Tracking indipendentemente dal fatto che il tracciamento (la valutazione) avvenga contemporaneamente o successivamente.

Obiettivo di questo tracciamento è per lo più rappresentare il movimento effettivamente osservato per l'utilizzo tecnico. Un utilizzo di questo tipo può essere costituito dal raggruppare l'oggetto tracciato con un oggetto seguente. Un utilizzo di questo tipo può però essere piuttosto modesto a seconda della conoscenza della località momentanea dell'oggetto tracciato.

Il tracking di un oggetto e la modellazione del suo comportamento di spostamento sulla superficie terrestre segue i concetti della navigazione classica.

Il tracking può anche riguardare la raffigurazione del processo fisiologico o economico.


È sconcertante? ..... Sì!
- Infatti nel marketing online il tracking si definisce più o meno come segue:


Il tracking è il tracciamento dei processi di movimento (per lo più virtuale) di un consumatore della nostra azienda contattato in qualche modo.

 

Perché si utilizza il tracking?


Il marketing si trova ad affrontare sempre lo stesso problema. L'azienda mette a disposizione denaro per adottare misure che incrementino la notorietà, l'immagine e, alla fine naturalmente, il fatturato della società.

Un paese della Cuccagna: il marketing può spendere denaro per eventi davvero belli.

- Tuttavia, da tempo non è più proprio così.

Un'azienda vuole vedere i risultati e associarli nel modo più preciso possibile a ogni singolo centesimo speso del budget promozionale.
Per trarre delle conclusioni e poter esprimere delle valutazioni in qualche modo fondate, all'esperto di marketing servono consumatori dei quali quantificare il comportamento e quindi anche le azioni promozionali ad esso correlate.

Se si volesse visualizzare graficamente il concetto si potrebbe immaginare una spia sulla spalla di ogni consumatore che consegna alla propria centrale aziendale un rapporto ogni volta che il consumatore contatta l'azienda in un modo qualsiasi, mediante uno dei cosiddetti touchpoint.
Il tracking costituisce quindi la base per il performance marketing e permette di ottimizzare il marketing budget per raggiungere gli obiettivi aziendali nel miglior modo possibile.

 

Quali tipi di tracking esistono?


Esistono innumerevoli tipi e definizioni per le applicazioni specialistiche di tecnologie del tracking. Guardiamo insieme le varianti più importanti e le più diffuse.

 

cookies

1. Cookie Tracking

Durante la navigazione in Internet i consumatori ricevono (se non agiscono per evitarlo) cookie, piccoli file di testo, che vengono salvati sul loro browser. Questi cookie permettono a provider e fornitori di siti web come Google di identificare un utente in Internet e di seguirne i comportamenti di navigazione.

Quindi quando un consumatore accede a un sito Internet gli viene assegnato un cookie, se egli visita questo sito Internet il giorno seguente, di regola egli porta con sé lo stesso cookie. Ciò permette al provider del sito web di seguire il comportamento di questo visitatore sul proprio sito.

Tuttavia i cookie adempiono anche altre funzioni. In un webshop ad es. le funzioni del carrello o la registrazione nell'area personale del cliente sono consentite per lo più dall'uso dei cookie.

Il Cookie Tracking permette a un'azienda di visualizzare come un visitatore si muove sulle sue pagine web, senza sapere chi egli sia esattamente. In questo modo l'azienda riceve i dati importanti su questo visitatore e può utilizzarli con successo nel marketing. Fintanto che l'utente non esegue accessi, o non memorizza dati personali su questo sito web, rimane anonimo, nonostante l'impiego di questa tecnologia con i cookie.

trackingpixel

2. Pixel Tag Tracking


In questo caso le aziende integrano grandi immagini trasparenti di 1x1 pixel sulla pagina Internet o nell'e-mail. Queste immagini vengono richiamate dal server quando si avvia il dispositivo. Queste chiamate vengono poi registrate dal server per consentire una misurazione del successo.

 

beacons

3. Beacon a ultrasuoni


Questi uBeacon sono una serie di toni elevati emessi da un "emettitore" corrispondente. Il tono non è udibile per l'essere umano.
Ma i dispositivi che si trovano nelle vicinanze possono reagirvi.

Questi beacon si utilizzano per colmare le lacune tra il mondo online e quello offline.

Un esempio:

il gestore di una filiale di vendita al dettaglio installa un beacon all'ingresso. Un consumatore con lo smartphone entra in questa filiale. In questo modo l'esperto di marketing può seguire questo cliente sia nel mondo fisico che in quello digitale, tracciando le sue attività online e offline come parte integrante del Customer Journey.

 

calltracking

4. Call Tracking

Il Call Tracking combina una visita al sito web con un numero di telefono. Quindi se un consumatore arriva a una pagina Internet con Call Tracking, al visitatore viene mostrato un numero di telefono personale. Questo numero di telefono viene aggiunto dinamicamente al sito web mediante uno script.

Se ora questo interessato telefona all'azienda usando questo numero di telefono, questa può mettere in relazione la telefonata reale con la traccia digitale del visitatore del sito web.

In tal modo è possibile anche integrare nel marketing digitale le telefonate come parte integrante del Customer Journey e come valore di misurazione.

 

fingerprint

5. Browser Fingerprint Tracking

Se un consumatore visita un sito Internet, il device del visitatore della pagina mette a disposizione informazioni molto specifiche sul dispositivo e le sue impostazioni.


Queste impostazioni spesso molto specialistiche permettono un tracking molto preciso dell'utente senza dover ricorrere a tecnologie come i cookie o gli indirizzi IP.


You may also like

These stories on: basics

Subscribe by Email